Pubblicato il

Malasanità e risarcimento a Catania

risarcimento-malasanita-cataniaI casi di malasanità sono, purtroppo, episodi di cronaca sempre più frequenti in tutta Italia e in particolare a Catania.
Nel corso degli ultimi anni si è potuto assistere ad una vera e propria impennata nel numero dei casi di malasanità nel capoluogo etneo.

Uno dei casi più agghiaccianti riguarda il caso di Bartolo Gullino, l’ottantacinquenne morto nel passato mese di dicembre a Catania all’insaputa di tutti. Il figlio Carmelo, residente a Brescia, non viene informato del decesso del padre e lo scopre solamente dieci giorni dopo la sua morte. L’anziano era stato trasferito all’insaputa del figlio in un altro nosocomio. Sono attualmente in corso indagini per appurare le eventuali responsabilità.

Un’altro caso di malasanità nel capoluogo etneo risale all’agosto del 2012. Il 20 agosto una giovane badante bulgara, Emilia Mihaylona, si reca in ospedale a causa di alcuni fortissimi dolori al petto. Dimessa poco dopo con la prescrizione di una terapia a base di antidolorifici, torna in ospedale il 23, sempre a causa di forti dolori. Dopo una notte in osservazione, viene dimessa con la medesima prescrizione di utilizzo di antidolorifici.
Il 30 agosto Emilia ritorna in ospedale per i fortissimi dolori: i medici, finalmente, constatano che la giovane aveva le costole fratturate ma è ormai troppo tardi. Poche ore dopo, ai parenti viene comunicato il decesso.

Nel febbraio del 2010, il diciannovenne Marco Moschetto muore per la negligenza del suo medico di base. Il giovane, accusando forti dolori addominali, si reca dal suo medico di base che però è incapace di diagnosticare la reale causa del suo malessere e non gli prescrive un ricovero urgente in ospedale. Marco, tornato a casa rasserenato, muore poche ore dopo. Era stato colpito da un gravissimo ileo paralitico e stava morendo dissanguato per un’emorragia del colon.
Le pagine dedicate alla cronaca siciliana degli ultimi anni sono costellate di eventi simili.

Fino a pochi anni fa chi era vittima di un caso di malasanità o perdeva una persona cara a causa di un errore o ancor peggio della noncuranza dei medici doveva rassegnarsi ad affrontare un lungo e costosissimo processo per chiedere giustizia ai responsabili.


Da oggi però, grazie al nostro servizio di assistenza medico-legale, chi ritiene di essere stato vittima di un caso di malasanità a Catania o in tutta Italia può rivolgersi a noi per una consulenza.
Se si ritiene di essere stati vittima di un caso di malasanità a Catania, è sufficiente compilare il modulo di richiesta assistenza o chiamare il nostro numero verde per richiedere un servizio di consulenza.

Non è necessario l’anticipo di nessuna somma di denaro: il nostro onorario verrà saldato solamente a risarcimento ottenuto, senza anticipi e senza rischi.

Per richiedere ed ottenere un risarcimento da parte di una struttura sanitaria o da un medico si hanno a disposizione ben dieci anni dalla data dell’ultimo certificato.

In questo modo, è possibile richiedere risarcimenti per fatti avvenuti nel corso dell’ultimo decennio, potendo finalmente avere giustizia e ricevere una somma adeguata al dolore sofferto e ai disagi patiti.
Contattateci senza impegno per ottenere tutte le informazioni necessarie.

 

Articolo pubblicato da Giovanni Zappalà

21 febbraio 2014

Redazione risarcimenti-online.it

© Riproduzione vietata